MITI DA SFATARE SULLA MOBILITA’ ELETTRICA

Tra informazioni non corrette e falsi miti, abbiamo deciso di sfatarne qualcuno, scegliendo tra i più ricorrenti:

le colonnine di ricarica sono poche e lente: FALSO!
L’Italia oggi può vantare il più alto rapporto tra auto elettriche e stazioni di ricarica (che è praticamente di 1 a 1). Uno degli obiettivi prefissati nel Piano Strategico 2020-2022 di Enel è quello di portare il numero di stazioni pubbliche e private ad oltre 700 mila entro il prossimo anno.
Modalità di utilizzo e autonomia delle vetture sono fattori da tenere in considerazione: la stima dei chilometri giornalieri percorsi da un automobilista, in media, si attesta tra i 40 e i 60 km, e nel 95% dei casi non supera i 200km. Tenendo presente che le nuove auto elettriche possono raggiungere autonomie anche oltre 500km, la maggior parte delle ricariche avviene quindi a casa o sul posto di lavoro, senza necessità di fermarsi lungo il tragitto.

le auto elettriche costano troppo: FALSO!
Il costo delle batterie è quello che pesa di più sul prezzo delle auto elettriche, e per anni ha inciso anche per più del 50% sul totale di questa tipologia di vettura.
Negli ultimi dieci anni il costo delle batterie è sceso dell’80% e, grazie ad incentivi statali riservati ad acquisto di auto elettriche, già da oggi è possibile abbassare in modo netto il prezzo di listino di una e-car. A ciò, inoltre, vanno considerati i minori costi di manutenzione e di rifornimento.

FONTE: r.e.new l’energia che si rinnova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*